14/12/13

Foltyn o Maestro Miguel?

Karel Čapek - 
Život a dílo skladatele Foltýna 
La vita e l'opera del compositore Foltyn
Praga, 1939
Ultima opera, incompiuta, del grande giornalista e scrittore praghese (l'inventore della parola Robot, in RUR).

Consiglio la lettura di questo libro a chi abbia seguito, o sia stato coinvolto, negli ultimi pettegolezzi ceco – veneti – ecuadoregni riguardanti il "Maestro Maschietto"

E' evidente l'influenza delle tematiche pirandelliane nell'opera di Capek: i due si conoscevano e si frequentarono spesso a Praga, dove Pirandello era ospite del Pen Club presieduto dallo scrittore praghese.

La Vita e l'Opera del Compositore Foltyn, è una cosruzione letteraria che ruota attorno alla complessità degli aspetti che compongono la persona, attraverso testimonianza esterne, ovvero attraverso i filtri ed alle capacità di lettura della persone che hanno frequentato il defunto Foltyn, forse genio musicale, forse, molto più probabilmente, comune impostore.

Non solo i filtri conoscitivi degli osservatori o delle persone coinvolte nella vicenda del millantatore, ma anche le invenzioni e le menzogne di questo, che confondono ulteriormente la possibilità di giudizio, trasformano le fredde testimonianze in un caleidoscopio che rende impossibile la valutazione morale dei motivi che spingono Foltyn ad esibire il proprio inesistente genio artistico. 

Il racconto è un'inchiesta a ricerca della verità ma questa, pirandellianamente, è la verità dei vari narranti, ognuno dei quali ha conosciuto Foltyn in un contesto diverso.  

Un libro scritto alle soglie della II guerra mondiale, di cui i fatti odierni confermano la costante attualità.

09/12/13