29/03/12

Consigli medici

Il medico è stato chiaro: "Se lei non si modera nel bere, in caso di morte, saremo costretti a distillarla"

26/03/12

Notizie dalla piazza di Riegrovy Sady

La quotazione della birra di quest'anno sul mercato di Riegrovy Sady è di 31 Kc al mezzo litro

25/03/12

Coca e ombre

I me ga sempre ciamà Toni Sbessoa, da quando giero bocia, par via de sta bea ganassa. Quando che gero co el me barba, al bacaro tacà al mercà de Rialto, i me voeva tutti ben, ma ea me ganassa ea gera sempre al centro de ogni discusion: “quando che te fa rabiar, el bocia, ti ghe da do stramusoni o do sganassoni?”, i schersava i veci tra un cicchetto e un ombra – “Tonin, ti vol do stracaganasse?” i me domandava “Par fortuna che  el ga el naso de so nono Isaia, se no quando che piove el se nega”. No gera cattiveria, ma soltanto el so modo de schersar, de dimostrare che i me ciapava in considerasion. El più feroce el gera Marietto, un marangon de soasa, dal gran naso rosso, che più che in bottega, el pasava el tempo al bacaro davanti, dove che i so clienti i ndava a trovarlo quando che i se voeva metar in soasa ea foto dea comunion dei fioi o dei nevodeti. No ghe veniva neanca in mente de ndarlo a sercar in bottega; se no io trovava al bacaro, i ghe eassava e robe da metar in soasa all’oste. “Toni, el me sogno saria farte na soasa aea to musana, e una a parte par ea sbessoa!! E mi, da puteo, ghe credevo, e spetavo sempre che rivasse co una de e so soase de oro, che avaria picà in carbona, sora el tavoo dea cusina, par far contenta me mama, che ea me diseva sempre che giero el bocia più beo de Venessia.
Putropo, tra e femene, lo pensava soo che me mare, e fie dea me età ea ganassa, che ea giera el me orgoglio, no ea ghe piaseva un gran che.
Quando che so rivà all’età de tredese anni, go scominsià a farghe cresere quel peeto morbido, che me pareva bombaso Ndavo de bagoo orgoglioso de sta bea sbesoa col bombaso che i diseva tutti che ea rivava sempre un toco vanti de mi.
“Toni, mona – i me diseva i compari del me barba – rasate quei quatro peassi, se no quando che ti ghe magni ea mona, ti ghe fe e catarigoe al cuo”. “Ti te si tacà e barbe dei peoci, vecio mio?” i me domandava. “Toni, ma xe vero che quando che te te sganassi, te scoi in tera?” .
Ste tolte pal cuo no e me dispiaseva, parchè savevo che i ghe tegniva de vedarme e, sopratuto, che i se meteva sempre in allegria.
L’unico problema e gera sempre e fie, che no ghe ndava ben de farse vedare co mi, neanche par far na bagoada.
Prefarivo ndar in giro pai bacari coi  me compari, che almanco se fasevimo sempre do ombre e do ridae. El xe stà proprio Marietto, el marangon de soasa, che quando che go fatto i disdotto anni el me ga ciapà sottobrasso e el me ga dito: “Sbessoetta, no te si ancora ndà in coca, vero?  Go trovà na sousion!” “Bepi- ghe ga dito all’oste – te vedi sto martoreo? Pensa che quando che el ghe tira, el ghe sconde ea sbessoa”. Se sa che a Venessia se te voi far saver na roba in giro, bisogna che te ea ghe disi all’oste. Dopo do giorni, ndando de bagoo, me so incorto che e done e ciapava a no vardarme più in muso come sempre, ma in braga.
Xe stà da quel momento che go tirà avanti a coca e ombre.