25/12/11

Auguri!

Che vada sempre tutto per il verso giusto!

10/12/11

Déjà vu

Non mi ricordavo più dove lo avessi già incontrato. Ora lo so.
Romanini e Magnus, 18 giugno 1993, La compagnia della forca- La traversata maledetta, Granata Press Editore, Bologna

04/11/11

Involontario (?) humor nero del Corriere della Sera

In prima pagina, scrivendo dell'alluvione di Genova:
"Il genovese Crozza non va in onda"
Locuzioni tipo "Non trasmette", "non va in video", no, eh?
Proprio "in onda"...!?!?

03/11/11

"Berlusconi si è fottuto il periodo buono per le riforme" dice il Ministro degli esteri ceco

Il ministro degli esteri ceco, principe Karel Schwarzenberg, ben noto per la sua ironia politicamente scorretta, ha dichiarato in un'intervista al giornale Lidove Noviny, rispondendo alla domanda dell'intervistatore se anche l'Italia, al pari del Portogallo  e Grecia non fosse stata portata nell'Eurozona avventatamente:
"L'Italia allora appariva in buone condizioni. E' vero che il governo Berlusconi ha la colpa di non avere realizzato riforme. Berlusconi, purtroppo, (rivolgendosi ai suoi collaboratori - tappatevi le orecchie) si è fottuto questo periodo, invece di usarlo per le riforme."
All'ambasciatore italiano, Pasquale d'Avino non è rimasto che l'ingrato incarico di chiedere ragione alla diplomazia ceca dell'espressione usata dall'anziano nobile e Ministro degli Esteri ceco (candidato informale della destra conservatrice alla futura presidenza della Repubblica), ricevendo le rituali rassicurazioni del caso.

17/10/11

Benvenuti a Venezia!

 el "ti te pol mover"
(people mover)

07/10/11

26/09/11

Se Brunetta parla di crescita.

Oggi i giornali pubblicano la ricetta di Brunetta per la crescita.
Un ministro testimonial.

20/09/11

Fughe dalla Democrazia: Un ottimo documentario

Un documentario di poco più di un'ora, di Alessandro e Mattia Levratti sulla Volante Rossa, e su Radio Oggi in Italia, l'emittente del PCI che trasmetteva da Praga: la storia dell'emigrazione forzata di partigiani e comunisti italiani, con una ricostruzione dei fatti politici che le hanno originate.

Per rendersi conto di quanto, ancora oggi, la situazione politica italiana sia figlia di quegli anni.

28/06/11

Citazioni

"Noli herba comere, sed carne porcorum"
E.Coli

15/06/11

riflessioni estive

E' corretto definire chi viaggia in cabrio un "senzatetto"?

10/06/11

Borghezio spostato di peso!

Borghezio "malmenato" a St. Moritz
(articolo del Corriere della sera)

Due considerazioni:

- se un napoletano per un milanese è un terrone, lo stesso si può dire del milanese per uno svizzero (e di uno svizzero per un olandese e così via, fino all'ultimo eschimese)

- Borghezio lamenta di essere stato "portato fuori di peso". Ora capisco perché all'esercito del Vaticano (guardie svizzere) basta l'alabarda. Se gli svizzeri riescono a spostare di peso Borghezio devono essere imbattibili!

08/06/11

Navalis 2011

Sul secondo canale della TV ceca, CT2

Menu in itagliano

Da molto tempo, da quando un menu di un ristorante di Zizkov mi aveva proposto "Pene dello chef, 150 g" e da quando una pizzeria praghese offriva l'improbabile pizza "Quattro stazioni", pensavo di pubblicare errori ed orrori dei menu dei ristoranti praghesi.

E' stato il menu del ristorante "Capitan Flint" a convincermi che questo gesto s'avea da fare.
Irresistibili il suo "Soup è un grugnito" (zuppa servita in trogolo, oppure bassa considerazione dell'educazione degli ospiti del ristorante?) e "La vostra birra - scoppio corretto", inquietante messaggio, per noi bevitori di birra, in epoca di terrorismo globale.


04/06/11

Referendum 2011

Ho già votato!!!
Sarà comunque un bel casino con la scheda sul nucleare, poichè il quesito al quale ho risposto io e gli altri italiani all'estero è diverso da quello della "seconda versione", modificata in seguito ai trucchetti degli azzeccagarbugli berlusconiani.

Ora si tratta solo di
A) superare il 50%
B) mandare a casa (meglio se circondariale) il Cavaliere

30/04/11

Racconto breve

Il crocifisso d’ottone si illuminò di un raggio di sole quando i carabinieri aprirono la porta d’ingresso che dava sul piccolo salotto scuro, mentre Maria stava sbrattando la tavola. Teneva ancora in mano il piatto sbrecciato sporco di sugo rosso. “E’ lei Maria Concetta Benenati?” – domandò il ragazzo in divisa nera, di poco più vecchio di suo figlio Ciro, di cui non aveva notizie da più di un anno. “Sì, son’io” rispose Maria fissando le due figure in divisa nel controluce della porta.
“Si tratta di suo figlio, signora, lo abbiamo rintracciato” – Gli occhi neri di Maria si allargarono impercettibilmente, mentre il volto non tradiva alcuna emozione. “Ora è trattenuto, per detenzione di stupefacenti, eroina, signora!”
Un tuffo al cuore, i peggiori sospetti diventati realtà: la frase dell’uomo metteva fine ad ogni possibile illusione. “In ogni caso, signora, si potrebbe anche trattare di quantità destinate ad uso personale. I colleghi che hanno trattenuto suo figlio Ciro ritengono che non si mantenesse con lo spaccio...” Lei guardava muta il giovane sbarbato con in testa lo sproporzionato berretto nero dai fregi dorati “…abbiamo invece ragione di ritenere che si mantenesse prostituendosi.” continuò l’uomo in divisa, in un tono senza emozioni, come se stesse leggendo un dispaccio, o l’elenco del telefono.
Una lacrima scivolò lentamente lungo la guancia immobile di Maria, mentre girava il volto verso la credenza, a guardare la foto di Ciro piccolo e spensierato. Tremando, gli angoli delle labbra si alzarono in un dolce sorriso. “Almeno non fa il webmaster!” sussurrò Maria, accendendo il piccolo cero sotto il crocifisso.

20/04/11

Licenza di uccidere?




e all'interno un cartello: "Ministero degli interni" !!!
Questione di stile...

21/03/11

Mi è venuto un dubbio atroce:


ma siamo proprio sicuri di bombardare quello giusto?

19/03/11

Cavaliere e Colonnello





Collonnello, si ricordi:
Dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi ... Allah!

La NATO contro Gheddafi

Resta da sperare solo che questa volta facciano centro... non come 30 anni fa...

Esterofobia,

In occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia mi sono arrivate diverse e mail che parlano di "Italiani all'estero". Riflettendo su questa parola "estero", non riesco a trovare risposta ad una semplice domanda:

Come faccio ad essere "all'estero", dato che sono a casa mia?

Quando trovai casa qui, lo feci abbandonando un territorio che mi era assai più estraneo.

Non è che la parola "estero" sia, al pari di "confine o patria", parola desueta, polverosa, inadatta, legata ad idee ottocentesche?

Non lo scrivo perchè non sia ben felice del festeggiamento dei 150 anni dell'Italia, poichè l'alternativa non può essere certo il localismo.

I localismi (il leghismo) sono la presunzione di misurare il mondo con il metro della propria ignoranza.

Ma ora che si è festeggiata l'Italia, non si dovrebbe festeggiare ancor di più che questa sia, nonostante tutto, ancora in Europa?

Io, in Europa, ci sono.

14/03/11

Digito ergo sum

Nella debole luce che passava attraverso il filtro rosso dell’ingranditore cercava il punto che gli avrebbe permesso una accurata messa a fuoco. Regolò pian piano il soffietto, chiuse l’obiettivo di due diaframmi, spense la luce dell’ingranditore e premette il pulsante del timer. Nel frattempo tolse la foto precedente dal liquido di fissaggio per metterla nella bacinella d’acqua. La pallida luce bianca che illuminava il foglio di carta fotografica si spense. Prese il foglio e lo immerse nella prima bacinella e rimase ad aspettare quando le immagini avrebbero iniziato ad apparire, lentamente, dapprima le parti più scure, poi i dettagli, come se l’immagine stesse per riemergere sempre più nitida dalla sua memoria.
Quando il foglio si fece scuro lo prese con la pinza e lo mise nella vaschetta che conteneva il maleodorante liquido di fissaggio. Il telefono nel salotto si mise a squillare.
Frettolosamente, prima di poter aprire la porta del bagno, incartò i fogli di carta fotografica nella loro pesante e nera carta stagnola, li introdusse nelle loro scatole di cartone.
Si precipitò al telefono. Era il segretario della sezione che gli chiedeva se avesse potuto affiggere dei manifesti questa sera. “Va bene, sento se Mario vuole venire con me e tra un’ora sono in sezione”. Riappese e introdusse il dito nella rotella del telefono, il numero di Mario lo conosceva a memoria. Accompagnava la rotella con il dito fino a trovare la linguetta di metallo cromato, sfilava il dito e la rotella tornava lentamente indietro, gracchiante, a velocità costante. Non gli piacevano i telefoni a tastiera che oramai erano quasi dappertutto, il telefono di casa gli piaceva così, poco pratico, lento, pesante, meccanico, sicuro. “Mario? Ciao, senti che fai stasera? Verresti a fare attacchinaggio? Passo a prenderti con la Vespa e poi si può andare a bere qualcosa alla Festa dell’Unità, va bene?”.

(continua qui)

06/03/11

ea siora Maria

“Dotor, gavaria na roba qua, aea mona…”
“Signora Maria, diamo un’occhiata, ma si ricordi che è meglio se la chiama “vagina””
“Ostia dotor a no savevo che ancuo anca ea mona ea gà el titoo nobiliar!… Ma el ga visto dotor che gran porseo che el xe sto Berlusconi, in teevision i ga dito che l’indava a letto co quei dea scorta”
“Escort, Marietta, escort”
“Go capìo, dotor, go capìo, ma nol gera mejo se el ndava a putane?”
“Maria, ostrega! E escort, no ea scorta, e escort el xe un modo mejo de ciamare e putane”
“Ma daii dotor, cosa ti me conti, va in mona, no, el me scusa, nea roba … là … cossa me gao dito? … ah sì, el vada in cusina!


Un mio raccontino

11/02/11

Anche Mubarak se n'è andato

come direbbero i giacobini, ...
sotto a chi tocca!

22/01/11

Brutti tempi per l'infanzia

I comunisti i bambini li mangiano,
Silvio con le bambine ci fa il bunga-bunga.

20/01/11



Ques'uomo è stato fino all'9 settembre del 2000 il Presidente degli Stati Uniti (che, comunque è un qualcosina in più del Presidente del Consiglio italiano).

Si è dimesso dal suo incarico per aver mentito al Congresso degli Stati Uniti sulla sua relazione con una stagista alla Casa Bianca (che comunque nel mondo ha un pò di più di peso di Palazzo Grazioli), Monika Lewinsky (maggiorenne).

Tutto questo per dire, che se tanto mi da tanto ... per lo meno gli americani un pelo più seri di noi lo sono.

(e pure senza bunga bunga !)

19/01/11

18/01/11

Senza parole...



Un'agenzia viaggi particolare per un veneziano...
Chissà se vi ci si deve rivolgere nel caso qualcuno vi ti ci mandi (in veneziano: và in mona!)... oppure in caso di viaggi lontani (in veneziano: andare in tanta mona) oppure se sia semplicemente un'agenzia di viaggi specializzata nel tour Palazzo Grazioli - Arcore - Villa Certosa...

17/01/11

filosofia yoga

Mia sorella, insegnante di yoga, mi ha detto che il fatto che un animale si muova sulla faccia della terra non è condizione sufficiente affinché io lo possa mangiare.
Questo mi ha fatto riflettere.
E venire fame!